domenica 4 novembre 2012

Cose da onomastico

Oggi è il mio onomastico

Ho sognato mia madre

Mia madre ci ha lasciato il 19/12/2011. Ha vissuto anni felici e ho avuto la fortuna di vederla invecchiare serenamente. Questa notte, mia madre mi è apparsa in sogno, quasi a volermi augurare buon onomastico. Sarà un caso o è venuta davvero comunicando attraverso una dimensione onirica? Non lo so. Ma sono contento di averla rivista, anche se per pochi minuti.

Mia nipote mi ha inviato una mia foto

Dina, Teresita e Lia, le mie tre sorelle, oggi mi hanno telefonato per farmi gli auguri. Grande gioia. Ho avuto dei genitori fantastici e delle sorelle meravigliose. L'essenza della vita non è forse l'amore? Quello della famiglia è essenziale per affrontare le gioie e le difficoltà della vita. 
Simona, mia nipote, mi ha inviato una mia vecchia foto, di cui non ricordo nulla, nemmeno dove sia stata scattata. 

Carlo Maggio foto intera
Carlo Maggio


Ho modificato la foto con PicsArt

Ricevuta la foto ho deciso di giocarci con la App PicsArt per Android. Innanzitutto l'ho ritagliata. Poi ho aggiunto dei filtri: vintage, stencil, sharpen. Eccovi il risultato.

Carlo Maggio effetto vintage 1
Carlo Maggio (Vintage 1)
Carlo Maggio effetto sharpen
Carlo Maggio (Sharpen)
Carlo Maggio effetto stencil
Carlo Maggio (Stencil)
Carlo Maggio ritaglio
Carlo Maggio (Ritaglio)
carlo maggio effetto vintage 2
Carlo Maggio (Vintage 2)
Mia nipote mi ha inviato una mail svelando che nel retro della foto era scritto: Paris 1983!

mercoledì 3 ottobre 2012

Diploma in naturopatia dott. Carlo Maggio

Diploma in naturopatia

Dott. Carlo Maggio

Istituto Rudy Lanza


Il diploma in naturopatia del dott. Carlo Maggio

Gli studenti dell'Istituto Rudy Lanza devono presentare la tesi per ottenere il diploma in naturopatia al termine del corso triennale. Io avevo un sogno. Presentare come tesi il mio libro di anti-aging. Ho penato un po', ma ci sono riuscito. Il mio libro "100 anni da giovane" è acquistabile in libreria, presso il mio centro medico Salus Project e online ed è possibile scaricare una copia gratuita del primo capitolo. Ho dovuto attendere che fosse pubblicato il libro per ottenere il diploma, ma ne è valsa la pena.
Ringrazio Rudy ed Eliana, Tiziana, Silvia, Deborah, tutti i miei compagni di corso e i docenti per questo triennio indimenticabile.
Grazie a tutti.
Carlo Maggio

lunedì 1 ottobre 2012

Corso sostenibilità business

Come determinare la Sostenibilità e Solvibilità del Business


Corso INFOR

Docente: Adriano Gios




Obiettivi:
·       sviluppare le capacità di base per la comprensione delle principali variabili di performance economica e finanziaria dell’impresa al fine di saper valutare l’impatto delle decisioni operative sui risultati di impresa
·       conoscere la corretta “metrica“ per misurare la sostenibilità del business elaborando la curva di indifferenza
·       orientare l’impresa ad una gestione “cash oriented“ con particolare attenzione alla solvibilità della stessa evidenziando la capacità di far fronte agli impegni finanziari
·       fornire una metodologia per poter definire una corretta diagnostica per l’impresa e formulare di conseguenza delle coerenti e corrette terapie integrando gli aspetti economici con quelli finanziari e monetari
·       utilizzare dei moderni sistemi di simulazione come ausilio per la gestione aziendale a supporto decisionale.

Programma:
Le fondamentali regole economiche
·       Le capacità globali d’impresa
·       La relazione fondamentale tra il risultato economico e il flusso di cassa
Come determinare la sostenibilità del business
·       La redditività operativa
·       Il rapporto d’indebitamento
·       La curva di indifferenza
Come determinare la solvibilità dellimpresa
·       La struttura finanziaria
·       Il rendiconto finanziario
·       La cash flow analysis
La programmazione dellattività dimpresa
·       I modelli di simulazione
·       Elaborazione di modelli “what if“, “what for” su PC a supporto decisionale

Il corso mi ha fatto riflettere sulla necessità di diagnosticare precocemente (come in medicina) alcune "alterazioni" aziendali che diventano patologiche.
Molto gradita la consegna del libro scritto dal docente.

Corso integrato anti-aging Carlo Maggio

Corso integrato di anti-aging

Dr. Carlo Maggio e Elisabetta Rostagno

Istituto Rudy Lanza




Premessa

Dal 1970 nei paesi industrializzati la spettanza di vita è aumentata di circa sei anni. Viviamo più a lungo soprattutto grazie ai progressi nella diagnosi e nel trattamento delle malattie cardiovascolari.
Questo aumento della vita media però non si è accompagnato ad una migliore qualità della vita. Aumentano gli obesi, i diabetici, le persone sedentarie e con seri problemi all'apparato locomotore. In altre parole, la nostra vecchiaia è forse peggiorata anche se dura più a lungo.
L'invecchiamento ha basi genetiche ma sono molte le possibilità di migliorarne l'evoluzione. Nasce così una grande corrente di pensiero Anti-aging o anti-invecchiamento, sempre più orientata a migliorare la nostra vecchiaia quando siamo ancora giovani.
L'Anti-aging è in forte crescita e abbraccia un universo di discipline che hanno i fondamenti sulla nutrizione, sull'attività fisica, sull'integrazione alimentare, sulla naturopatia, per citarne solo alcuni. 

Obiettivi

Il Corso Anti-aging, organizzato con una struttura modulare, limita la parte teorica al bagaglio di conoscenze sufficiente per comprendere i meccanismi dell'invecchiamento.
La parte iniziale di ogni modulo relativo a ciascun apparato prevede infatti una breve esposizione di anatomia e fisio- patologia per meglio comprendere le degenerazioni che si verificano nella vecchiaia. Tuttavia, l'obiettivo principale del corso propone al partecipante tre tappe fondamentali:
1) individuare la predisposizione a particolari processi di invecchiamento
2) rilevare i segni precoci dell'invecchiamento
3) proporre consigli e strategie anti-invecchiamento. 




Programma

Generalità sull'invecchiamento 
età anagrafica ed età biologica
agenti invecchianti e agenti anti-aging
La neurosenescenza
semplici tests neuropsicologici per valutare la funzione cognitiva prevenire il deterioramento cognitivo e la demenza
Apparato locomotore e adipe
valutazione funzionale dell'apparato locomotore e della capacità aerobica
valutazione della composizione corporea:
massa magra e massa grassa
evitare la riduzione della massa muscolare (sarcopenia) prevenire la fragilità ossea (osteoporosi)
mantenere l'efficienza articolare
combattere l'accumulo, il sovrappeso e l'obesità

Apparato cardiovascolare
le carte del rischio cardiovascolare 
l'invecchiamento delle arterie: aterosclerosi prevenire l'aterosclerosi
mantenere in forma cuore e vasi

Cute e annessi
prevenzione delle rughe, cellulite e altri inestetismi idratazione della cute, unghie e capelli
Attività sessuale
contrastare il declino dell'attività sessuale nell'anziano
Sistema endocrino, immunità ed enzimi 
le modificazioni ormonali nell'invecchiamento
la funzione del sistema immunitario
prevenire la carenza enzimatica

Stress ossidativo
analisi stress ossidativo (d-ROMs test): principi e significato valutazione della barriera antiossidante
Il check-up anti-aging
età biologica e memoria, valutazione: test e colloquio
Tecniche anti-aging
consigli nutrizionali e restrizione calorica
l'attività fisica aerobica e contro resistenza di pesi

indicazioni tecniche di rilassamento e antistress
significato e utilità integratori alimentari
utilizzo dei precursori della sostanza carente.

Okinawa
l’isola dei centenari = un modello di longevità 
L’alimentazione secondo Jean Seignalet: i principi del metodo 
Alimentazione industriale e additivi. 

Sede: Roma
10-11 novembre 2012 - 15-16 dicembre 2012 - 12-13 gennaio 2013 - 2-3 febbraio 2013
Per informazioni:
Istituto Rudy Lanza

sabato 29 settembre 2012

Fitoterapia e prevenzione vascolare: il razionale


GIORNATE FITOTERAPICHE PERUGINE

Fitoterapia, nutraceutica e prevenzione cardiovascolare
Dott. Carlo Maggio
Razionale e obiettivi


Razionale

Malattie cardiovascolari e colesterolo

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nei paesi industrializzati. Nel 1994 alcuni eminenti cardiologi dubitavano sull’importanza dell’ipercolesterolemia quale causa di infarto cardiaco. In quello stesso anno fu pubblicato lo studio 4S (Scandinavian Simvastatin Survival Study) che dimostrò inequivocabilmente come una statina (simvastatina) sia in grado di ridurre la mortalità totale del 30% in soggetti con evidenza clinica di malattia delle coronarie.

A distanza di molti anni, uno studio epidemiologico di grandi dimensioni, l’INTERHEART study, ha evidenziato che l’alterazione del rapporto fra apolipoproteine A e B è uno dei più potenti fattori di rischio cardiovascolare. 

Colesterolo, fitoterapia e nutraceutica

Tuttavia, esistono situazioni cliniche in cui il controllo farmacologico del colesterolo non è raccomandato dalle principali linee guida internazionali, ad esempio per la presenza di un rischio cardiovascolare globale non significativo. Talora il ricorso al farmaco è controindicato per la presenza di allergie, intolleranze o comorbilità. In questi casi, la fitoterapia e la nutraceutica rappresentano un aiuto fondamentale, offrendo al medico un ricco arsenale di principi per ridurre il colesterolo. Fra questi possiamo menzionare: i fitosteroli, i policosanoli, le monacoline, la berberina, gli acidi grassi polinsaturi omega-3 e le fibre solubili. Le monacoline e gli acidi grassi polinsaturi della serie omega-3 sono supportati da studi clinici che hanno dimostrato anche la riduzione degli eventi cardiovascolari. 

Trigliceridi, fitoterapia e nutraceutica

Ancora più evidente è l’incertezza del vantaggio di un trattamento farmacologico nelle forme lievi di ipertrigliceridemia, che possono essere trattate anche con la fitoterapia e la nutraceutica. 


Pressione arteriosa, fitoterapia e nutraceutica

Le forme borderline di pressione arteriosa normale-alta o lievemente elevata, in un contesto di basso profilo di rischio cardiovascolare globale, sono generalmente monitorate e assegnate al trattamento non farmacologico, basato principalmente sulla dieta e sull’attività fisica. Purtroppo il medico si trova spesso di fronte a frustranti insuccessi, dopo aver ripetutamente consigliato un miglioramento dello stile di vita. La fitoterapia e la nutraceutica possono rappresentare un valido complemento al trattamento non farmacologico di queste condizioni cliniche.

Palpitazioni, fitoterapia e nutraceutica

Le palpitazioni rappresentano uno dei principali motivi di visita cardiologica. Sono spesso presenti in cuori sani e sono causate da extrasistoli o dal normale ritmo sinusale, talvolta accelerato. In questi casi, il compito del medico consiste nel rassicurare il paziente. Ciononostante, le palpitazioni possono essere così sintomatiche da condizionare negativamente la qualità della vita. Uno dei trattamenti spesso consigliati si avvale dell’impiego di benzodiazepine e betabloccanti, gravati, in alcuni casi, da fastidiosi effetti collaterali (ad esempio sonnolenza e astenia). Un approccio terapeutico più tollerato è basato su fitoterapici e nutraceutici: biancospino, valeriana, avena, melissa, passiflora, acidi grassi omega-3, per fare alcuni esempi. 

Dislipidemie, ipertensione, palpitazioni e medicina funzionale regolatoria

Le condizioni cliniche sino ad ora elencate, dislipidemie, ipertensione e palpitazioni, possono essere causate da alterazioni di alcune funzioni del nostro organismo, come lo squilibrio fra sistema neurovegetativo simpatico/ortosimpatico, o per alterazioni della matrice extracellulare. Di queste alterazioni si interessa la medicina funzionale regolatoria, branca medica che studia come ripristinare le normali funzioni fisiologiche, migliorando la performance del nostro organismo, anche grazie all’impiego della nutraceutica e della fitoterapia.
Da queste premesse emerge con forza la necessità che il medico arricchisca il suo percorso di aggiornamento scientifico allargando gli orizzonti terapeutici alla fitoterapia e alla nutraceutica.

Obiettivi

  • Migliorare le capacità cliniche a inquadrare le seguenti condizioni:
    • Dislipidemie
    • Pressione arteriosa normale-alta
    • Palpitazioni
  • Affinare i meccanismi di stima del rischio cardiovascolare globale
  • Saper utilizzare la fitoterapia e la nutraceutica per la prevenzione cardiovascolare



Rivoli, 29 settembre 2012

                                                                  Dott. Carlo Maggio
                                                                         www.carlomaggio.it






domenica 29 aprile 2012

Scuola SIMF: una garanzia

Ringraziamento pubblico
Panorama da Portorose
Desidero ringraziare Cristina Brivio, Antonio Coviello, tutto lo staff amministrativo e i docenti della Scuola Italiana di Medicina Funzionale per l'ottima organizzazione del corso, qui a Portorose in Slovenia. Buone lezioni a tutti i colleghi.
Carlo Maggio